> La maggior parte degli studenti delle scuole superiori ha sentito parlare di plagio nel loro stabilimento.

> Si parla sempre più spesso di plagio, soprattutto in relazione alla musica e alla politica.

> Il 95% delle università francesi possiede il software Magister di Compilatio, lo strumento pensato per il rilevamento e la detenzione del plagio.

Eppure, questo reato è ancora praticato. Nel giugno 2019, una laureanda francese ha realizzato un sondaggio su un campione di 337 studenti (nell’ambito della sua tesi di laurea triennale). I suoi obiettivi: capire perchè si è tentati di plagiare, i tipi di elaborati che hanno più possibilità di essere colpiti da questo tipo di problema e la conoscenza/consapevolezza delle possibili sanzioni.

Perché questa tentazione di non menzionare le fonti?

La mancanza di tempo è la ragione principale

Gli studenti devono imparare a gestire il loro tempo e non è sempre facile. A volte si possono fare le cose con calma, mentre altre volte si rischia di essere debordati dalle scadenze e dalle mille cose da fare. Il tempo da dedicare ai singoli lavori dipende dalla serietà dello studente e dall’interesse che quest’ultimo nutre per l’argomento. Alcune persone pensano di poter risparmiare tempo copiando e incollando direttamente da Internet.

🎓 Studente: È meglio pianificare il vostro tempo per lavorare tranquillamente sui vostri compiti piuttosto che farlo a spizzichi. La gestione del tempo fa parte della vostra formazione e vi servirà nella vostra vita professionale e personale! Chiedete aiuto, se ne avete bisogno.

👔 Insegnante: Vi consigliamo di pianificare delle fasi intermedie prima della scadenza definitiva. In questo modo, i vostri studenti potranno farvi delle domande e voi potete stimolare coloro che non hanno ancora iniziato il lavoro richiesto.

Il secondo problema è la mancanza di interesse

Quando non si capisce lo scopo di un lavoro, è difficile farlo con entusiasmo e ottenere un buon risultato.

🎓 Studente: Non vi piace la materia? Non capite lo scopo del lavoro che siete tenuti a fare? Forse è sufficiente parlarne con l’insegnante, in maniera onesta e rispettosa. Ricordatevi anche che nella vita non sempre facciamo ciò che amiamo, imparerete ad apprezzare ancora di più i compiti che vi interessano davvero.

👔 Insegnante: Non è sempre facile motivare un’intera classe su un progetto. Se incontrate delle riluttanze, potete formare gruppi di lavoro eterogenei, dove i più motivati aiuteranno i più recalcitranti. Spiegate sempre lo scopo di un lavoro per assicurarvi che almeno la maggioranza della classe capisca l’obiettivo. E cercate di proporre argomenti originali o di lasciare diverse opzioni ai vostri studenti.

Forse il concetto di parafrasi non è abbastanza conosciuto

Quando ci si limita a cambiare alcune parole in una frase, l’idea appartiene ancora all’autore e quindi quest’ultimo deve essere citato.

🎓Studente: Per sapere tutto sulla parafrasi, vi invitiamo a consultare il nostro articolo Parafrasi = plagio?” Soprattutto, non dimenticate di citare le fonti, anche se avete cambiato le parole e la struttura della frase per renderla più adatta a voi.

👔Insegnante: È importante spiegare che cos’è una parafrasi e incoraggiare gli studenti a produrre scritti originali e/o a citare le fonti. In generale, è fondamentale spiegare agli studenti che cos’è il plagio, quali sanzioni sono state pensate per contrastarlo e come evitare questo fenomenoI corsi e le formazioni su questo tema possono essere organizzati durante tutto l’anno scolastico e sono un efficace strumento di prevenzione.

Se avete bisogno di aiuto, Compilatio offre formazioni a distanza o in loco sia a insegnati che a studenti.

Non si sa come citare correttamente

Non sempre gli studenti conoscono le norme da seguire per citare correttamente o le trovano troppo noiose. Quindi preferiscono “dimenticare” la citazione. Tuttavia, i rischi del plagio sono elevati e quando si conosce il metodo per citare correttamente, questa pratica diventa un facile riflesso. Fondamentalmente è sufficiente inserire le virgolette e citare il creatore della citazione.

🎓Studente: Per aiutarvi, abbiamo scritto un articolo su “I 4 stili di citazione più utilizzati” – in questo modo potrete procedere correttamente.

👔Insegnante: Citate sempre le vostre fonti sul materiale che utilizzate per preparare le vostre lezioni? È importante dare il buon esempio in modo che i vostri studenti applichino gli stessi metodi e comprendano al meglio come fare.

La citazione è percepita come noiosa

Inserire le virgolette, menzionare gli autori, inserire le note a piè di pagina associate ad una bibliografia finale… Tutto questo può sembrare lungo e noioso, soprattutto quando si ha una lunga relazione da presentare. È importante rispettare il diritto d’autore e la persona che ha sviluppato l’idea. Il plagio è furto.

🎓 Studente: Citer vos sources met en valeur votre travail car cela montre que vous avez fait des recherches et que vos théories viennent enrichir et challenger les arguments avancés par d’autres. Ainsi, vous faites avancer la recherche et la réflexion autour d’un sujet, vous apportez réellement votre pierre à l’édifice.

👔 Insegnante: En rappelant les sanctions et les enjeux de ne pas commettre de plagiat, on peut accepter plus facilement de suivre les règles. Avez-vous fait signer une charte anti-plagiat ou un code d’honneur à vos élèves/étudiants en début d’année ? Vous trouverez des exemples dans votre interface Magister.

Gli insegnanti non controllano a sufficienza

Come abbiamo visto precedentemente, la maggior parte degli insegnanti ha a disposizione il software Magister, pensato per controllare gli scritti degli studenti. Tuttavia, le istituzioni non comunicano con precisione i processi da effettuare per controllare gli elaborati. Gli studenti non si sentono obbligati a citare le loro fonti, pensando che, in ogni caso, il controllo attraverso il software di rilevazione e detenzione del plagio non è sistematico.

🎓 Studente: Cercate di prendere le buone abitudini per ogni compito, in modo che sia più facile per voi  effettuare tutti i passaggi in occasione di un compito importante

👔 Insegnante: Si consiglia di utilizzare Magister in ogni occasione per garantire un controllo costante sull’autenticità degli elaborati. Se uno o più studenti hanno plagiato, potete chiedere ai truffatori di rifare da capo il compito, mettere uno 0 o parlarne con la direzione dell’istituzione scolastica.

Nessuno vorrebbe essere curato da un medico che ha scritto la sua tesi di dottorato plagiando o essere governato da un leader che ha copiato durante l’università. Pertanto, è importante punire coloro che non rispettano le norme e valorizzare coloro che le rispettano.

La classe non sempre fa lo sforzo di menzionare le fonti

“Se i miei compagni non si preoccupano di citare le fonti, perchè dovrei fare questo sforzo?” È vero che fornire il buon esempio non è sempre una motivazione sufficiente.

🎓 Studente: E se fossi tu a spronare i tuoi compagni a rispettare i diritti d’autore? Il rispetto è importante per tutti. Sta a te trasformare la tua classe in un circolo di amici rispettosi delle regole. Ti ringrazieranno quando vedranno che gli altri saranno puniti per plagio e che voi sarete lodati per la vostra correttezza, diventerai l’eroe della banda! 😉

👔 Insegnante: Vi consigliamo di valorizzare i giusti comportamenti.

Le conseguenze sono inesistenti

In generale, gli studenti sanno che esistono delle sanzioni per coloro che non hanno menzionato le fonti, ma le conoscono?

 

 

La pratica del copia e incolla è sempre attuata?

 

Durante il sondaggio, agli studenti è stata posta la seguente domanda “Quando sei tentato di plagiare maggiormente?” Le risposte date ci dicono che anche i lavori importanti sono sottoposti a rischio di plagio. Infatti, un terzo degli studenti ha risposto che la tentazione è forte tanto per le relazioni sperimentali che per una relazione finale di tirocinio. E la metà degli studenti ha dichiarato anche di commettere plagio all’interno della propria tesi di laurea! Il record è detenuto dalle presentazioni, quasi l’80% di copia e incolla.

 

 

Gli studenti sono a conoscenza delle sanzioni previste contro il plagio?

Ebbene, pochi conoscono le conseguenze del plagio. Le sanzioni sono sufficientemente severe da scoraggiare la pratica del copia e incolla e da incitare la pratica corretta.

Le sanzioni applicabili dipendono da Decreti Legislativi, e per l’istruzione superiore da singoli Decreti Rettorali. Qualunque decisione di sanzione viene presa da referenti apppositamente nominati a seguito di un’istruttoria e un’udienza.

Presentazione dei “L’applicazione delle sanzioni”

 

 

 

In sintesi, il plagio è presente in tutti i tipi di elaborati. La sensibilizzazione e la prevenzione del plagio sono le armi migliori per combattere contro quest’ultimo. Le sanzioni devono essere comunicate per sensibilizzare l’opinione pubblica su questi temi.

Lavoriamo insieme per garantire il rispetto della proprietà intellettuale.