Tutti sanno che essere attenti in classe aiuta gli studenti a memorizzare la lezione. Tuttavia, raramente basta per superare brillantemente un esame. Ecco perché è importante saper prendere appunti. L'obiettivo degli appunti è di sintetizzare i punti principali espressi dall'insegnante. Inoltre, permettono agli studenti di ripassare / studiare la lezione. Infine, un'efficiente presa di appunti consente di risparmiare tempo prezioso durante la rilettura e la condivisione delle informazioni principali. È quindi fondamentale imparare a strutturare gli appunti presi a lezione. Ma, come si fa?

"Per prendere appunti bisogna ascoltare, capire, riassumere e scrivere", traduzione da «Technique de prise de notes» (Come prendere appunti) dal sito Publidia.fr

 

Sommario

Che cos’è importante annotare?

Quando prendere appunti?

Quali sono i metodi principali per trascrivere le informazioni rilevanti?

Quali strumenti per facilitare la raccolta di informazioni?

Che cos’è importante annotare?

Le parole chiave

Copiare parola per parola ciò che dice l'insegnante è rassicurante. Si ha la sensazione di non aver dimenticato nulla e si pensa di poter riassumere i corsi in un secondo momento. Facendo così, però, ci saranno un sacco di appunti da rileggere e un enorme lavoro di sintesi. Vi consigliamo di selezionare le informazioni importanti quando prendete appunti. Usate parole chiave che per voi abbiano un senso. Scrivete seguendo il vostro stile.

 

Le fonti utilizzate

Quando l'insegnante utilizza un grafico, un'immagine o una citazione, prendete nota dell'autore originale e della fonte. Questo vi permetterà di citare queste informazioni al momento opportuno e di guadagnare punti all'esame. Inoltre, se avete bisogno di approfondire, vi sarà più facile trovare la fonte utilizzata dal vostro insegnante.

Citare correttamente ed evitare il plagio

Le domande dei vostri compagni

Ascoltate attentamente le domande dei vostri compagni. Talvolta gli insegnanti possono riutilizzare proprio le domande che vengono fatte durante l'anno per verificare l’acquisizione delle conoscenze acquisite. Per questa ragione è importante scrivere queste domande e/o le loro risposte.

 

Gli schemi

Spesso gli insegnanti utilizzano schemi, disegni, grafici e illustrazioni per spiegarsi meglio. Queste immagini, scritte a mano o prese da Internet, possono essere davvero utili per ricordarsi di una spiegazione.

 

Le ricerche complementari

Ma per prendere appunti efficacemente non bisogna fermarsi qui. Il vostro insegnante deve valutarvi in base alla vostra capacità di riflettere. Quando vi preparate per un esame è meglio fare qualche ricerca aggiuntiva per approfondire la materia: date un'occhiata a grafici, immagini e testi che trattano lo stesso tema del vostro corso. Ovviamente il lavoro di memorizzazione aumenterà un po’, ma così facendo potrete arricchire la vostra conoscenza e rispondere in maniera completa ed efficace durante gli esami (vedrete, gli insegnanti ne saranno entusiasti!).

In questo modo alimenterete il vostro spirito critico e potrete parlare con cognizione di causa.

Quando prendere appunti?

Quando prendere appunti?

Durante la lezione

Naturalmente, è necessario essere attenti durante la lezione e annotare le idee più importanti. Se cominciate a prendere appunti fin dall'inizio del corso, risparmierete tempo prezioso in seguito. Questo si chiama ascolto proattivo.

 

Dopo la lezione

Alla fine della giornata, non avrete problemi a ricordare la lezione. È il momento ideale per rileggere i vostri appunti velocemente e, se necessario, per migliorarli.

Prima dell’esame

Alcuni studenti studiano proprio il giorno prima dell'esame (in realtà quasi tutti 😉). Il carico di lavoro è pesante e anche gli appunti migliori non bastano per imparare tutto in fretta e furia. Per evitare questo stress, vi consigliamo di rileggere regolarmente i vostri appunti in modo da non dimenticare ciò che avete imparato.

 

Prima di dormire

Per imparare facilmente le vostre lezioni, rileggete gli appunti poco prima di andare a dormire. Il vostro cervello lavorerà per voi e al vostro risveglio le idee saranno più chiare e avrete acquisito le nozioni principali di ogni lezione.

 

Quali sono i metodi principali per trascrivere le informazioni rilevanti?

 

Ci sono diversi metodi per prendere appunti, ma il più efficace è.… quello che vi si addice di più. Sì, proprio questo è il segreto. Bisogna sperimentare diverse tecniche e scegliere quella che rende più facile la rilettura e l'apprendimento. Ovviamente potrete anche utilizzare un mix dei diversi metodi.

 

Il Mind Mapping: una mappa mentale sotto forma di albero

Avete una mente sintetica? Allora questo metodo di prendere appunti, perfezionato da Tony Buzan, è proprio per voi. La Mind Map è una tecnica per prendere appunti sotto forma di struttura ad albero o di diagramma. Si sceglie una parola chiave che bisogna collegare ad altre parole chiave secondarie che sono a loro volta collegate ad altre parole o espressioni.

 

"Queste parole possono essere accompagnate da disegni e colori per accentuare il loro impatto visivo e la loro importanza gerarchica. Linee, simboli, pittogrammi, tutto può essere utile per aiutare la memorizzazione delle informazioni [...]"

Traduzione da «Révolutionnez votre prise de notes grâce au "Mind Mapping» (Rivoluzionate il vostro metodo di prendere appunti grazie al “Mind Mapping”) di Vanessa Zocchetti, 21/03/2018, dal sito Madame Figaro.

 

Il Mind Mapping diventa ancora più efficace quando viene associato a dei disegni. In questo caso si parla di doppia codifica.

Lo sketchnoting: tutto l'essenziale in un disegno

 

Avete una mente creativa? Allora dovete prendere appunti disegnando!

"Lo sketchnoting consiste semplicemente nel prendere appunti attraverso il disegno o elementi visivi (per esempio, mettendo una parola in grassetto e inquadrandola per mostrare che rappresenta un'idea importante) e utilizzando i colori", traduzione da «Trois méthodes pour une prise de notes efficace au travail» (“Tre metodi per prendere appunti efficaci al lavoro”), dal sito web Les Jolis Cahiers.

Il layout: colore e abbreviazione

 

Avete una mente semplificatrice? Allora vi basterà impaginare i vostri appunti per farvi venire voglia di ripassare. Fidatevi, è proprio vero!

Ricordatevi di fare attenzione ai titoli: incorniciateli e/o sottolineateli, devono essere ben visibili.

Quando si tratta di contenuto, sbizzarritevi con i colori: delle belle penne colorate e degli evidenziatori faranno il resto.

Per una maggiore fluidità, ricordatevi di non prendere appunti troppo fitti, di “arieggiare” la pagina.

Per farlo, niente di meglio che le abbreviazioni.

Ecco qualche esempio:

  • Ex: ad esempio
  • Xk = perché
  • Qnd = quando
  • Cvd = come volevasi dimostrare
  • > = maggiore
  • < = minore
  • Gg = giorni
  • Sgg = seguente

 

Se volete scoprire le abbreviazioni più utilizzate allora date un’occhiata a questo sito: “https://it.wiktionary.org/wiki/Appendice:Abbreviazioni, da Wikipedia, 15/01/2021

 

Il metodo Cornell: raccogliere informazioni utili

 

Avete una mente razionale? Ecco una tecnica completa per aiutarvi a prendere appunti durante la lezione.

Dividete la pagina in quattro parti. Durante il corso scrivete le informazioni generali/globali e prendete appunti. Quando ripassate, sintetizzate le idee principali e fate un riassunto preciso utilizzando le altre parti. Ogni sezione ha un obiettivo specifico:

  • Le informazioni generali vi consentiranno una rapida comprensione della tematica del corso.
  • Prendere appunti è essenziale per l'apprendimento della lezione.
  • Le possibili domande sono elencate in modo da facilitare l'apprendimento e lo studio.
  • Il riassunto globale vi permetterà di sintetizzare gli appunti e vi servirà per imparare gli elementi fondamentali.

Per ripassare, vi basterà nascondere la parte dedicata agli appunti e cercare di rispondere alle possibili domande per valutare le proprie conoscenze.

« PRISE DE NOTES EFFICACE, RAPIDE ET UTILE ! LA MÉTHODE CORNELL », du site internet Waladex, 03/10/2018

Quali strumenti per facilitare la raccolta di informazioni?

 

Penna 🖊 o tastiera💻?

 

Gli appunti: cartacei o digitali

Gli appunti scritti a mano hanno bisogno di solamente due strumenti: carta e penna. Inoltre, non hanno bisogno di una batteria e raramente si rompono. Scegliete di prendere appunti a mano se volete disegnare le idee che vi interessano maggiormente, se vi piace scrivere bene e se vi organizzate meglio con la penna.

Gli appunti digitali hanno bisogno di solamente uno strumento: computer o tablet. Scegliete di prendere appunti digitali se volete annotare dei link, incollare delle immagini o dei  grafici o ancora se volete fare ulteriori ricerche sull'argomento in questione. Potete cogliere l'occasione per imparare alcune utili scorciatoie da tastiera per risparmiare tempo.

Perché non entrambe le cose 🖊💻?

A seconda della materia, si può essere più a proprio agio con la carta o con la tecnologia. È possibile alternare appunti scritti a mano e digitali durante il giorno, ma è più difficile all'interno dello stesso corso.

Scegliete il metodo che risulta più efficace per voi.

 

Gli strumenti: i software e le applicazioni

Ecco i punti positivi di questi strumenti secondo «Les 7 meilleurs logiciels de prise de notes gratuits» (I sette migliori software gratuiti per prendere appunti) dal sito pme-web.com, Matthieu Corthésy, 31/01/2019.


Prendere appunti è uno dei primi esercizi che gli studenti devono fare. Permette di sintetizzare le informazioni essenziali in modo che possano essere apprese e restituite in occasione dell'esame. 

Ora disponete di tutti gli strumenti necessari per prendere appunti al meglio. Provate diversi metodi fino a trovare il VOSTRO metodo. Prendete appunti che rispecchiano la vostra personalità.

Combinando l'ascolto proattivo durante il corso con la VOSTRA maniera di prendere appunti, i voti che otterrete rispecchieranno la qualità del vostro lavoro quotidiano.

 


Fonti :